[ Ghigo Ristorante ] - Il pesce con gli ingredienti dal mondo | Lo Chef
166
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-166,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Lo Chef

Sapori , odori, suggestioni che da racconti si trasformano in piatti.

Fabrizio Schiattarella

Abbiamo conosciuto Fabrizio quasi casualmente, anche se io sostengo che il caso non esista.

La sua storia professionale inizia prestissimo, in quanto convinto fin da subito nel perseguire la sua passione. Quindi stage ed esperienze in strutture dove si lavora tanto ma si impara moltissimo.

Da buon Ariete, Fabrizio è tenace, ma allo stesso tempo umile e aperto al confronto. Questo aspetto è fondamentale perchè è ciò che permette il dialogo, il gioco e la sperimentazione senza paura di essere giudicati.

Toscano d’adozione (ha lavorato, tra l’altro, in un famoso locale di John Malkovich a Prato), ha radici partenopee, che per noi è un valore aggiunto. Nella cucina, oltre alla tecnica e alla passione ci vuole cuore, e lui pare averlo capito molto bene.

Le origini e la storia sono importanti per creare e sperimentare liberamente.

Come ha detto qualcuno, “non viviamo di eredità ma di evoluzione” ed il progetto Ghigo, che nasce da un nome importante per la mia famiglia, guarda all’evoluzione, rielaborando piatti della tradizione o inventandone di assolutamente nuovi.

Fabrizio è curioso, proprio come noi. Viaggia spesso ed ogni volta non torna mai a mani vuote, ma con un bagaglio di conoscenze in più.

Sapori , odori, suggestioni che da racconti si trasformano in piatti.

Il viaggio che intraprenderà a breve in Thailandia, uno dei suoi paesi preferiti, lo vedrà in veste di alunno di una importante scuola di cucina.

Uno dei pregi di Fabrizio è sapere che più si è bravi e più dobbiamo imparare.